Vittorio Sgarbi: Se il Coronavirus si comporta come il Viagra