I media sono i principali responsabili di questa psicopandemia