4 MILIONI di euro buttati al vento o per meglio dire nelle case farmaceutiche