VACCINI O GALERA ? Obbligo di mascherine al chiuso, discoteche chiuse, stretta sui voli e sanzioni a gogò

vaccini o galera

Qual è il motivo predominante ?
Penso sia l’uno e l’altro naturalmente, prolungando lo stato di emergenza i criminali del governo sono intoccabili, e nel frattempo sotto sotto cominciano a organizzare i vaccini obbligatori per tutti, cominciando dagli ultra 65 enni, forze dell’ordine, infermieri, medici, bambini fino ad arrivare a quello che Bill Gates chiama “riduzione della popolazione mondiale del 15%”

Ma quello che mi chiedo, ma possibile che non bastino 40/50000 euro al mese alla faccia degli italiani che aspettano l’elemosina di 600 euro? La punizione per queste bestie è togliergli tutto, casa macchina, stipendio, telefono e farli stare in case popolare con la speranza che gli arrivi 600 euro al mese, alcuni auspicano per la pena di morte, ma la vera pena di morte per loro, è farli vivere con 600 euro al mese.


RISOLVI PROBLEMI DI CERVICALE

Le nuove misure anti coronavirus dal 14 luglio: discoteche chiuse e stretta sui voli

I punti cardine su cui si basa il nuovo dpcm che il governo si prepara a varare nelle prossime ore per stabilire le nuove regole anti-contagio che entreranno in vigore dal 14 luglio. Obbligo di mascherine al chiuso, ma anche rinvio dell’apertura delle discoteche, stretta sui voli e maggiori controlli e sanzioni per chi non rispetta le norme.

Obbligo di mascherine al chiuso, ma anche rinvio dell’apertura delle discoteche, stretta sui voli e maggiori controlli e sanzioni per chi non rispetta le norme. Sono alcuni dei punti cardine su cui si basa il nuovo dpcm che il governo si prepara a varare nelle prossime ore per stabilire le nuove regole anti-contagio che entreranno in vigore dal 14 luglio. In base ai dati del contagio nel nostro Paese, infatti, il governo ha deciso di prolungare molti divieti già attualmente in vigore col precedente Decreto del presidente del Consiglio in scadenza ma anche di apportare nuove misure aggiuntive che si sono rese necessarie alla luce di quanto sta accadendo in questi giorni.

Nel provvedimento che domani verrà presentato dal governo Conte in Parlamento tramite il ministro della Salute, Roberto Speranza, verrà dunque ribadito l’obbligo e la necessità di indossare le mascherine in qualsiasi luogo chiuso di accesso pubblico. La regola è valida sia per i negozi ma anche ad esempio per gli uffici pubblici, i ristoranti e i locali di ogni genere quando ci si alza dal tavolo. Mascherina obbligatoria anche dal parrucchiere e in palestra oltre che sui mezzi pubblici e treni meni cinema e nei teatri. In questi ultimi ci saranno ancora posti a sedere preassegnati e distanziati, e con un massimo di mille spettatori per spettacoli all’aperto e 200 in luoghi chiusi.

LA TUA PUBBLICITA’ QUI chiedi informazioni

L’obbligo di mascherina sarà valido anche per i dipendenti delle strutture e dei locali che non potranno toglierla mai così come per il personale degli uffici pubblici. Solo all’aperto è possibile togliere la mascherina e comunque sempre rispettando le regole del distanziamento sociale. Proprio quest’ultimo punto ha spinto il governo a dire no all’apertura di discoteche al chiuso a fiere e sagre. Luoghi dove l’assembramento appare inevitabile con tutte le conseguenze del caso. Il governo pensa a prolungare i divieti almeno fino alla fine di luglio ma potrebbe lasciare libertà di decisone alle singole regioni che potrebbero muoversi in base alla propria singola situazione.

Un altro punto fondamentale saranno i controlli e le sanzioni con vigilanza rafforzate nei luoghi più sensibili come quelli della movida dove purtroppo si è già assistiti a scene di assembramento non controllate. Verifiche e accertamenti però anche in uffici pubblici, ristoranti e spiagge. Per chi non rispetterà le regole scattano le sanzioni che per i gestori potrebbero arrivare fino al ritiro della licenza con conseguente chiusura temporanea del locale. Proseguirà anche l’obbligo per i gestori di locali pubblici di raccogliere e conservare per 14 giorni le generalità dei clienti.

Per unto riguarda i voli il governo italiano sta pensando inoltre di allargare ulteriormente la lista delle nazioni da cui non si può raggiungere il nostro Paese. Dopo i primi 13 Paesi, infatti, il Ministero della sanità sta valutando la situazione epidemiologica di altre nazioni e probabilmente almeno due o tre Paesi dove è ancora alta la circolazione del virus si aggiungeranno alla lista originaria. Rimane per tutti, salvo chi arriva da Paesi dell’Unione europea, l’obbligo di quarantena per due settimane ma proprio su questo punto  si sta discutendo se imporre nuovi sanzioni visto che l’isolamento fiduciario in molti casi non sembra aver funzionato.

Fonte: Fanpage


Stiamo cercando di divulgare queste informazioni a più persone possibili, la nostra è un informazione libera e indipendente al servizio dei cittadini, gli articoli pubblicati si sostengono grazie alle vostre offerte.
Se vuoi puoi scegliere anche tu senza nessun obbligo di sostenerci CLICCANDO QUI oppure ricevere GRATUITAMENTE una notifica via email ogni volta che pubblichiamo un articolo su questo argomento.

Compila i campi qui sotto



CERCHI LAVORO? LAVORA CON NOI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *