Quante vite si sarebbero salvate facendo le autopsie subito? chi pagherà per tutti i morti?

autopsie bergamo

Perchè una circolare che sconsigliava le autopsie?
Perchè il governo ha voluto bruciare i corpi?
Forse perchè sono prove inconfutabili?
Con una circolare del governo, è naturale che nessun medico si è assunto la responsabilità di non seguire il consiglio, anche perchè lo stato ci metterebbe un nano secondo a scaricare tutte le responsabilità per non aver seguito le direttive. I medici non hanno nessuna colpa, correrebbero non pochi rischi non seguendo un consiglio che viene dall’alto specie se si tratta di un governo che ha tutte le carte per assomigliare a un governo dittatoriale.


Bergamo, il Covid e i trombi nei polmoni scoperti con 38 autopsie: lo studio ora è su The Lancet

L’articolo non era ancora stato pubblicato, ma nella sua fase preliminare in 200 mila l’avevano già letto on line. «Numero incredibile», si stupisce Andrea Gianatti, direttore di Medicina di laboratorio e Anatomia patologica del Papa Giovanni. Ma ci sono molte ragioni, visto che quello studio, ora pubblicato dall’importante rivista scientifica «The Lancet», era il primo a descrivere cosa succede nei polmoni colpiti da coronavirus. Questo perché l’équipe del Papa Giovanni, e quella del Sacco di Milano che ha condiviso lo studio, erano le uniche ad effettuare autopsie su pazienti Covid. Sono state 38 quelle confluite nella ricerca, ma da allora a Bergamo ne sono state fatte un centinaio.

«Oltre ad essere stati i primi a descrivere gli effetti del virus sui polmoni spiega Gianatti — è stato importante trovare un quadro analogo ad altri polmoniti da coronavirus come Sars e Mers. E scoprire che l’aspetto più caratteristico dal punto di vista vascolare è la formazione di trombi, cosa che ha confermato la predisposizione notata dai colleghi in ambito clinico. Da qui si è arrivati all’utilizzo degli anticoagulanti». Lo studio è finora unico al mondo nel suo genere e apre le porte a nuove terapie, soprattutto nelle zone ancora in piena emergenza: «Altrove non si sono fatte autopsie e quindi si conoscono meno la malattia e i suoi effetti. Ora vedere che si può agire sulla coagulazione del sangue può cambiare le regole.

Soprattutto nel mondo anglosassone, dove i protocolli sono molto rigidi ma dove la pubblicazione dello studio su una prestigiosa rivista scientifica può contribuire a modificare l’approccio terapeutico. In Italia invece si è cominciato a parlarne a metà marzo e fuori dalla Lombardia molti ne hanno beneficiato: abbiamo contribuito a salvare molte vite». Questo non significa automaticamente che ora il Covid sarà trattato con gli anticoagulanti: «Noi abbiamo fornito la prima base, ora serviranno dei trial clinici di controllo per vedere gli effetti e capire gli standard da applicare ai pazienti. Sempre sperando che non ci sia da affrontare un’altra guerra».

Fonte il corriere

Questo sito si mantiene con le donazioni dei lettori, se sei interessato ad aiutarci a dare un informazione libera CLICCA QUI


La nostra è un informazione libera,
Se ti interessa ricevere GRATUITAMENTE una notifica per i nostri articoli pubblicati, inserisci la tua Email
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.


Pubblica la tua azienda in mezzo alle notizie,
Se sei titolare di un’azienda e sei interessato a promuoverla in questo portale, registrati su Agenzia Imprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *