CREMONA: La bufala sgamata dei “professionisti dell’informazione”

la bufala di cremona

Quello che più spaventa è che anche a bufala sgamata, l’informazione è passata lo stesso e nessuno dei professionisti dell’informazione si è degnato di chiedere scusa per l’informazione sbagliata. COME MAI ?
Forse perchè fa più comodo per il nostro governo continuare a terrorizzare le persone? Forse perchè il nostro governo sa che con tutto quello che si è scoperto in questi mesi rischiano la galera? forse perchè prolungando lo stato di emergenza sono intoccabili e quindi devono avere una scusa per prolungare l’emergenza?

Fatto sta che con tutte le denunce che hanno in corso, se non ci fosse lo stato di emergenza a quest’ora sarebbero tutti dietro le sbarre, nessuno escluso.

Ma intanto loro alla faccia del popolo Italiano che li mantiene, fanno cocktail party senza mascherine e distanziamento sociale.
VEDI ARTICOLO

Qui di seguito vi riportiamo il giornalista che ha scoperto la menzogna di Cremona, se non vedete più il video è perchè i “professionisti dell’informazione lo hanno fatto censurare da Facebook, ma non vi preoccupate, ogginotizie conserva tutto, basterà chiederlo sulla pagina Contatti.

La bufala del giorno: nuovi contagi a Cremona 🤦‍♂️ Figuraccia di Corriere e Repubblica

Pubblicato da Matteo Gracis su Sabato 11 luglio 2020

Articolo pubblicato da La Repubblica

Post inserito dall’ASST di Cremona poco dopo la dichiarazione dell’infermiere

Testo completo

A voi le considerazioni …

Ogginotizie è l’informazione libera e indipendente dei cittadini, gli articoli pubblicati si sostengono grazie alle vostre offerte.
Puoi scegliere anche tu senza nessun obbligo di sostenerci CLICCANDO QUI oppure ricevere GRATUITAMENTE una notifica via email ogni volta che pubblichiamo un articolo su questo argomento.

Compila i campi qui sotto



RISOLVI PROBLEMI DI CERVICALE

CERCHI LAVORO? LAVORA CON NOI
LA TUA PUBBLICITA’ ALL’INTERNO DEGLI ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *