In aereo nessuna distanza in spiaggia 5/10 mt – non sarà che i ricchi vivono i poveri muoiono?

in aereo niente distanze al mare 10 metri

“Non raccomandiamo di tenere posti vuoti sugli aerei”, ha detto l’UE. Mentre sul litorale, 3/5/10 metri di distanza e braccialetti

Regione. No all’obbligo di lasciare il posto vuoto in aereo (al chiuso), ma sì al distanziamento sulle spiagge (all’aperto) di 3 metri tra un ombrellone e l’altro e tra una fila e l’altra (almeno in Liguria; per Inail i metri di distanza dovrebbero essere addirittura 5) e braccialetto elettronico che vibra in caso di vicinanza inferiore ad un metro.

Un paradosso che a raccontarlo può sembrare al limite dell’incredibile ma che, pur sempre con i condizionali e nel campo delle ipotesi (aeroporti ancora chiusi, fatta eccezione per voli essenziali e discussioni in corso), sembra essere la fotografia del momento della Fase 2.

Mentre nei giorni scorsi, non senza fatica, Regione Liguria e bagni marini hanno trovato una quadra sul distanziamento in spiaggia, che porterà in ogni caso ad una riduzione di almeno un terzo delle capacità medie dei vari stabilimenti, e hanno lanciato il braccialetto “iFeel-You”, le compagnie aeree hanno tirato su le barricate contro la proposta di mantenere un sedile vuoto sugli aerei low-cost per garantire il distanziamento.
Tra le principali promotrici del “no”, ad esempio, Ryanair, il cui numero uno Michael O’Leary ha recentemente definito l’ipotesi, senza mezzi termini, “idiota”. Ed è stata proprio la commissaria Ue per i Trasporti, Adina Valean a confermare la bocciatura di tale procedura: “In questo momento non raccomandiamo in maniera specifica di avere dei posti vuoti sugli aerei, tuttavia raccomandiamo d’indossare una mascherina e altri dispositivi di protezione”.
In fase di studio, però, anche altre ipotesi, come la riduzione drastica del numero di passeggeri per aereo o la possibilità di girare il sedile per evitare l’eccessiva vicinanza tra un passeggero e l’altro. Ma anche queste sono state osteggiate con forza dalle compagnie aeree (in particolare per motivi economici).

Per dare un’idea di cosa significherebbe il solo utilizzo dei dpi come norma anticontagio a bordo di un aereo low-cost è esplicativo un video pubblicato da “Repubblica”, girato da una donna turca, di ritorno nel Regno Unito dopo essere stata nel paese d’origine a trovare il figlio. Immagini in un luogo piccolo e chiuso che fanno riflettere e che, soprattutto in una Regione come la Liguria, che basa sul turismo all’aria aperta e sulla movida una buona fetta dell’economia, non possono che apparire come un incomprensibile paradosso.

La nostra è un informazione libera,
se ti interessa ricevere una notifica per i nostri articoli pubblicati, inserisci la tua Email
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.


Pubblica la tua azienda in mezzo alle notizie,
Se sei titolare di un’azienda e sei interessato a promuoverla in questo portale, registrati su Agenzia Imprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *