200 avvocati contro CONTE per violazione dei diritti costituzionali

Featured Video Play Icon

Come si può pretendere di rispettare la costituzione da parte dei cittadini, quando il governo stesso la viola spudoratamente? Le multe vanno cancellate tutte perchè illegittime e la libertà è un diritto inviolabile.

Si è presentato ai cittadini come l’avvocato del popolo, ma il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nel gestire questa emergenza, sembra essersi dimenticato del Diritto e soprattutto che “le guarentigie costituzionali non si possono trattare come un inutile orpello”. A ricordarglielo ci hanno pensato più di 200 colleghi che hanno deciso di scrivere una lettera al Presidente – avvocato. Un’idea partita dalle riflessioni di Fabrizio Arossa, del famoso studio legale Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, e del giurista e professore di diritto privato Ugo Mattei. Entrambi intervenuti su #Byoblu24 hanno voluto sottolineare come la lettera abbia una visione prima di tutto costruttiva: il loro obiettivo infatti è stato quello di evidenziare i gravi errori commessi durante la crisi, per evitare che si possano ripetere nelle fasi successive; a partire da quella attuale, e poi la fase 3, 4, 5 e così via. Perché come i medici devono sottostare al giuramento di Ippocrate così gli uomini di Diritto devono stare dalla parte della Giustizia. Trasparenza e contraddittorio, libertà di espressione, principio di proporzionalità, libertà di movimento, di iniziativa economica, non sono solo parole, ma Princìpi. E per questo nessuno sconto può esser fatto al Governo Conte né a quelli che verranno.

La nostra è un informazione libera,
se ti interessa ricevere una notifica per i nostri articoli pubblicati, inserisci la tua Email
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.


Pubblica la tua azienda in mezzo alle notizie,
Se sei titolare di un’azienda e sei interessato a promuoverla in questo portale, registrati su Agenzia Imprese

1 thought on “200 avvocati contro CONTE per violazione dei diritti costituzionali

  1. A. A. A. A T T E N Z I O N E

    DIFENDIAMO I NOSTRI DIRITTI.

    DIFENDIAMO LA COSTITUZIONE ITALIANA.
    Le autocertificazioni richieste dalle Forze dell’Ordine🇮🇹🇮🇹
    sono totalmente illegittime e illegali, vediamo il perché
    attraverso l’analisi della Costituzione italiana:🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹
    Ricordo che l’Art. 29 garantisce i diritti della famiglia. 🇮🇹🇮🇹
    L’autocertificazione che viene richiesta dalle Forze dell’Ordine non è prevista, non c’è scritto da nessuna parte nel decreto legge, un decreto legge dev’essere convertito in legge o smentito, se un Pubblico Ufficiale dice il contrario sta commettendo un reato gravissimo. Chiedete pure, quando vi fermano se vi possono garantire che l’autocertificazione è legge a tutti gli effetti.🇮🇹🇮🇹
    Non si può autocertificare uno stato di salute, come previsto dalla Legge 445 del 2000 – Chi vi ferma non sta agendo in forza di legge. Quando vi fermano vi chiedono di giustificare l’uscita, ora vediamo cosa dice l’ultimo decreto legge in proposito: dice che è sconsigliato uscire di casa, perché non possono andare contro la Costituzione, quindi possono solo invitarvi a non uscire di casa a meno che non ci siano comprovate esigenze primarie. Tutto ciò che viene alimentato dai media, è completamente anticostituzionale, infatti l’art. 2 della Costituzione riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, l’art. 10 dice che l’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale, l’art,13 dice che la libertà personale è inviolabile, l’art. 16 dice che ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale. 🇮🇹🇮🇹🇮🇹
    Tutti questi articoli 2 10 13 16 vengono completamente messi a rischio nel momento in cui una forza dell’ordine dichiari ad un cittadino che deve giustificare il motivo per cui è in giro! Rendetevi conto che le persone restano chiuse in casa perché lo dice la televisione, non perchè lo dice la legge, tra l’altro il Governo non può derogare regioni/province/sindaci a far girare le persone con la mascherina, così come la regione non può obbligare i cittadini a non andare oltre 200 metri dalla propria abitazione perchè non rientra in nessun modo nelle prerogative previste dall’amministrazione regionale. L’art. 16 infatti dice che le uniche limitazioni al movimento della libertà dei cittadini sono quelle stabilite dalla legge, dichiara apertamente che per poter limitare dei diritti costituzionali occorre anche fare una legge che faccia una modifica costituzionale — o una deroga alla costituzione in virtù di uno stato di eccezione in virtù di uno stato di emergenza, ma larealtà dei fatti è che l’art.78 della Costituzione dice chiaramente che l’unico stato di emergenza conosciuto dall’Italia tramite il quale si possa dare al Governo dei poteri straordinari e di deroghe costituzionali addirittura di deleghe agli enti locali, non è uno stato di presunta emergenza sanitaria, ma uno stato di guerra. Ma l’Italia non è in guerra. E nonostante i media continuino a ripetere che siamo in guerra contro il coronavirus, i numeri ufficiali smentiscono questo stato. L’OMS tramite il suo portavoce ha dichiarato la situazione pandemica, non ha dichiarato uno stato di pandemia, è ben diverso dal dichiarare questa situazione in maniera comprovata dove tutti gli scienziati arrivano alla medesima conclusione. 🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹
    Va ricordato che prima del primo contagiato italiano di Codogno lo stato italiano aveva già dichiarato l’emergenza, ma quello stato di emergenza è anticostituzionale, perché o si dichiara guerra, quindi il Governo ha pieni poteri, oppure non ci sono i presupposti per fare una legge che violi apertamente gli articoli 2 10 13 16 della Costituzione chiedendo ai cittadini di giustificare alle Forze dell’Ordine dove stanno andando. Invece le persone sono convinte che per Legge devono restare in casa, mentre tutte queste idee sono semplicemente veicolate dalla televisione. Non dalla Legge! L’autocertificazione che vi viene richiesta non è per Legge e non rispetta i diritti costituzionali previsti dagli articoli 2 10 13 16 25 24 28 29 infatti nel Decreto non c’è traccia, e chiedete agli Agenti quando vi fermano se l’autocertificazione ve la chiedono in forza di Legge oppure in forza d’autorità. La differenza sostanzialmente è questa: le forze dell’Ordine possono agire solo in 3 casi: 1) in caso di flagranza di reato, 2) in forza di Legge, quindi ci deve essere una Legge, 3) in forza di Autorità, cioè devono fornirti un ordine scritto con nome, cognome, grado, numero di matricola e quest’ordine deve essere presentato da un Giudice che ha 48 ore di tempo per convalidarlo oppure dichiarare che era illegittimo. Infatti dovete chiedere che quanto sopra venga eseguito in nome della legge. L’autocertificazione potete tranquillamente rifiutarvi di firmarla in quanto illegittima e anticostituzionale, ma siate sempre cortesi ed educati con le Forze dell’Ordine perché stanno comunque eseguendo il loro lavoro
    Infine l’art.54 della Costituzione italiana dice che tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le Leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestano giuramento nei casi stabiliti dalla Legge>>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *