Roma, scopre di essere positivo al Covid: pensionato si spara alla testa

anziano si spara perchè positivo al covid

Queste sono le conseguenze dello stato di terrore che il governo e i media hanno e continuano ogni giorno a incutere alle persone. Si spera quanto prima che tutti i criminali siano consegnati alla giustizia.
Ci aspettiamo, in un futuro non molto lontano, che i parenti di queste vittime come tutti quelli che sono stati danneggiati da questa farsa, sporgano denunce penali e civili contro tutti i responsabili a partire dai media che hanno causato più danni del regime stesso.

Nell’articolo precedente tre medici hanno dimostrato l’inaffidabilità dei tamponi che porteranno davanti al giudice. Quando saranno resi noti i test, il governo sarà responsabili di migliaia di morti e del crollo totale dell’economia.

Leggi l’articolo del test sui tamponi

28 Dicembre, 2020 da Moira Di Mario
Scopre di essere positivo al Covid, prende la sua pistola e si spara un colpo in testa. È successo la sera di Santo Stefano in una villetta dell’Axa, nel X Municipio. A premere il grilletto un uomo di 84 anni che aveva appena saputo di essere stato contagiato dal coronavirus e voleva farla finita. L’allarme è stato lanciato dalla moglie che era in un’altra stanza ed è corsa in camera da letto dal marito dopo aver sentito un tonfo. L’uomo era a terra in una pozza di sangue e con una ferita alla testa. La donna, convinta che il marito fosse caduto e avesse battuto il capo, ha chiamato il 118 chiedendo un intervento urgente. Quando l’uomo è arrivato all’ospedale Grassi, l’equipe dell’ambulanza ha riferito ai colleghi del pronto soccorso la versione della donna.
Sottoposto ad accertamenti, i medici hanno scoperto che in realtà l’anziano si era sparato sopra l’orecchio sinistro. La Tac ha infatti mostrato schegge di osso e frammenti del proiettile. L’esame ha inoltre confermato la positività al Covid 19 e una polmonite già in corso. Lo staff sanitario è intervenuto per cercare di salvargli la vita. Le condizioni dell’84enne sono disperate.
Macerata, Rosina è morta soffocata. Nessun segno di rapina in casa
LE INDAGINI
Sull’episodio indagano gli agenti del X Distretto Lido. Dagli elementi raccolti e dalla testimonianza fornita dalla donna, l’ipotesi più accreditata dagli investigatori è quella del tentato suicidio. La pistola, regolarmente denunciata e di proprietà dell’anziano, è stata ritrovata sotto il letto dove era finita verosimilmente dopo lo sparo. La moglie non l’aveva vista e per questo era convinta che il marito fosse caduto a terra per un malore, battendo la testa. Una tesi sembrata plausibile anche ai soccorritori del 118 quando sono intervenuti per prelevare il ferito e trasportarlo in ospedale. Secondo la donna, nulla, nelle ore precedenti, aveva fatto presagire a un gesto estremo.

Fonte: Il messaggero


Clicca qui per ricevere ogni giorno gli articoli che pubblichiamo


Ogginotizie è l’informazione libera e indipendente dei cittadini, gli articoli pubblicati si sostengono grazie alle vostre pubblicità o offerte. Se ti piace cosa pubblichiamo e hai piacere di contribuire al nostro lavoro, puoi abbonarti al nostro sito con poco più di un caffè al mese oppure con un’offerta a tuo piacere una tantum.

Clicca qui per sostenere OggiNotizie
Clicca qui se sei interessato a pubblicizzare la tua attività nel nostro sito