Metti la mascherina ma non dimenticarti di fumare

fumo e mascherina danni

1+1 ha fatto sempre 2
Se ci soffermassimo a pensare invece di bere tutto quello che ci propone la TV, potremmo arrivare a capire che la mascherina è solo ed esclusivamente un segno di sottomissione da parte di criminali che siedono sulle poltrone del nostro Stato, è un bavaglio che serve a dividere le persone, a non vedere più le espressioni del viso, serve a renderci schiavi di questo sistema che ci vuole dei perfetti ebeti a comando dell’Elite. Ma le persone più scaltre invece si informano, studiano, ricercano. La salute è un bene prezioso, non dimentichiamolo, non ricordiamoci che esiste solo quando l’abbiamo persa. Le case farmaceutiche vivono dai malati, non dai sani, un malato cronico è un cliente a vita delle case farmaceutiche. Se veramente tenessero alla tua salute, non venderebbero sigarette, non gonfierebbero gli alimenti con veleni solo per il profitto e non inquinerebbero la nostra aria, per vendere petrolio.
INFORMATI, NON FERMARTI AL TG

Come difendersi dalle sanzioni per mancato uso della mascherina?
Quando veniamo fermati e multati, nel verbale c’è uno spazio dedicato alla tua dichiarazione, all’interno scriviamo “allego la mia dichiarazione al verbale in quanto qui c’è poco spazio per scrivere”. A questo punto consegniamo la nostra autodichiarazione all’agente che ci ha fatto il verbale. Questa autodichiarazione ai fini giuridici è solo una motivazione valida per cui non indosso la mascherina, dovranno poi loro dimostrare il contrario.
Scarica l’autodichiarazione mascherina

In Italia il fumo causa 83mila decessi l’anno: è la prima causa di morte

Provoca più decessi di alcool, AIDS, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. Fumare, ormai si sa, fa malissimo. Anzi, uccide. 20 sigarette al giorno riducono di circa 4-6 anni la vita media di un giovane che inizia a fumare a 25 anni. È stato stimato che di 1.000 maschi adulti che fumano uno morirà di morte violenta, sei moriranno per un incidente stradale e 250 moriranno per patologie correlate all’uso del tabacco. Ma smettere di fumare è possibile. Da soli o con l’aiuto del medico curante e dei Centri Anti Fumo della propria zona.

Danni causati dalla mascherina

L’uso prolungato della mascherina porta a respirare lo scarto dei polmoni “l’anidride carbonica” in termine medico si chiama IPERCAPNIA

I sintomi e segni di epercapnia comprendono l’arrossamento della pelle, frequenza cardiaca elevata, dispnea, extrasistole, spasmi muscolari, riduzione dell’attività celebrale, aumento della pressione sanguigna, aumento del flusso ematico celebrale. Possono presentarsi anche mal di testa, stato confusionale e letargi. L’ipercapnia può indurre un aumento della gittata cardiaca, un aumento della pressione arteriosa ed una propensione verso le aritmie. In caso di grave ipercapnia (dovuta per esempio a respirazione in aria con pressione parziale di CO2 superiore a 10 kPa o 75 mmHg), la sintomatologia progredisce verso il disorientamento, il panico, l’iperventilazione, le convulsioni, la perdita di coscienza, e può portare fino alla morte.

Da Wikipedia
L’ insufficienza respiratoria è l’incapacità del sistema respiratorio (e non del solo polmone) di assicurare un adeguato scambio gassoso, sotto sforzo o a riposo. È una sindrome caratterizzata dalla caduta dei livelli di ossigeno nel sangue arterioso (ipossiemia), che può associarsi o meno a un aumento dei valori di anidride carbonica (ipercapnia). Il livello di PaO2 (pressione parziale di ossigeno nel sangue arterioso) sotto il quale si parla di insufficienza respiratoria è 60 mmHg.

Questo limite è stato scelto perché è strettamente legato al punto critico sulla curva di dissociazione dell’emoglobina, sotto il quale la curva diventa più ripida e bastano piccoli cambiamenti di PaO2 per far variare grandemente il contenuto di ossigeno nel sangue. Allo stesso modo, per convenzione, è stato scelto per l’ipercapnia il limite di 45 mmHg di PaCO2

Trattandosi di una condizione clinica che compare in corso di diverse malattie, non viene considerata una patologia a sé stante, ma una sindrome

Se sei interessato a ricevere GRATUITAMENTE una notifica via email ogni volta che pubblichiamo un articolo su questo argomento, compila il form qui sotto.

Compila i campi qui sotto



Ogginotizie è l’informazione libera e indipendente dei cittadini, gli articoli pubblicati si sostengono grazie alle vostre offerte Se ti piace cosa pubblichiamo, e hai piacere di contribuire al nostro lavoro, puoi scegliere di abbonarti al costo di due caffè al mese o di fare un’offerta una tantum
Qualsiasi soluzione tu scelga, ti ringraziamo anticipatamente per il tuo contributo CLICCA QUI PER SOSTENERE OGGINOTIZIE

PROBLEMI DI MAL DI SCHIENA ?


CERCHI LAVORO? LAVORA CON NOI
LA TUA PUBBLICITA’ ALL’INTERNO DEGLI ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *