La curva dei contagi in salita: un falso che crea allarmismo

disinformazione allo stato puro

Art. di: news24.varese.it

Ricercatori e virologi si dividono: leggere i numeri senza farci influenzare da politica ed economia.

Negli ultimi giorni, con il rientro di molti dalle vacanze all’estero, il numero dei contagi è aumentato. Questo è innegabile. Da meno di 500 casi al giorno, il 22 agosto si è superata la “fatidica” soglia di 1000 nuovi positivi. Ma la curva dei contagi davvero è pericolosamente in ascesa? L’analisi matematica dei dati dimostra che non dobbiamo lasciarci prendere dall’ansia e dalla fobia del contagio.

Una curva di contagi che divide i ricercatori

Purtroppo, senza entrare nel merito della questione, politica ed interessi economici dividono anche ricercatori e scienziati. La credibilità della ricerca scientifica diminuisce, e si generano ansie e paure infondate.

Fabrizio Sebastiani, ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), ha dichiarato: “Se non invertiamo immediatamente la rotta, c’è il rischio che il Paese si ritrovi a vivere la situazione drammatica di qualche mese fa”.
La virologa Ilaria Capua, invece, con Zangrillo e Bassetti, si schiera contro l’allarmismo da pandemia. Per la responsabile dell’One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, pur invitando sempre alla prudenza, è sbagliato definire i nuovi casi con il termine “malati”.

La curva dei nuovi positivi

Se si considera il numero puro dei nuovi casi, innegabilmente è aumentato. Il 14 agosto i nuovi positivi accertati erano 574, il 22 agosto ne sono stati contati 1071, quasi il doppio, per l’esattezza l’86,6% in più. Ma un semplice numero non definisce una curva dei contagi. La percentuale dei positivi rispetto ai tamponi eseguiti giornalmente può invece definire un trend. In questo caso, tra il 14 ed il 22 agosto, l’aumento dei contagi è solo dello 0,15%. Di seguito il grafico che mostra la curva dei contagi in percentuale rispetto ai tamponi giornalieri eseguiti, dal 1° marzo 2020 al 22 agosto 2020.

Quanto sono “piene” le Terapie Intensive?

Tante purtroppo le false notizie, poi smentite, che le terapie intensive stanno tornando a riempirsi a causa della curva di contagio in aumento; forse per giustificare, inutilmente, i milioni di euro spesi per la creazione di nuovi posti di terapia intensiva. La matematica mostra però una situazione differente. Interessante osservare la percentuale di ricoverati in terapia intensiva rispetto ai positivi: al 22 agosto solo lo 0,38%. Sarebbe quindi semplice allarmismo dire che stiamo tornando alla situazione di alcuni mesi fa, quando la percentuale ha toccato valori dell’8,8%. Il grafico mostra chiaramente una curva in costante decrescita e prossima allo zero.


Ricercatori e virologi si dividono: leggere i numeri senza farci influenzare da politica ed economia.

Negli ultimi giorni, con il rientro di molti dalle vacanze all’estero, il numero dei contagi è aumentato. Questo è innegabile. Da meno di 500 casi al giorno, il 22 agosto si è superata la “fatidica” soglia di 1000 nuovi positivi. Ma la curva dei contagi davvero è pericolosamente in ascesa? L’analisi matematica dei dati dimostra che non dobbiamo lasciarci prendere dall’ansia e dalla fobia del contagio.

Una curva di contagi che divide i ricercatori

Purtroppo, senza entrare nel merito della questione, politica ed interessi economici dividono anche ricercatori e scienziati. La credibilità della ricerca scientifica diminuisce, e si generano ansie e paure infondate.

Fabrizio Sebastiani, ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), ha dichiarato: “Se non invertiamo immediatamente la rotta, c’è il rischio che il Paese si ritrovi a vivere la situazione drammatica di qualche mese fa”.
La virologa Ilaria Capua, invece, con Zangrillo e Bassetti, si schiera contro l’allarmismo da pandemia. Per la responsabile dell’One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, pur invitando sempre alla prudenza, è sbagliato definire i nuovi casi con il termine “malati”.

La curva dei nuovi positivi

Se si considera il numero puro dei nuovi casi, innegabilmente è aumentato. Il 14 agosto i nuovi positivi accertati erano 574, il 22 agosto ne sono stati contati 1071, quasi il doppio, per l’esattezza l’86,6% in più. Ma un semplice numero non definisce una curva dei contagi. La percentuale dei positivi rispetto ai tamponi eseguiti giornalmente può invece definire un trend. In questo caso, tra il 14 ed il 22 agosto, l’aumento dei contagi è solo dello 0,15%. Di seguito il grafico che mostra la curva dei contagi in percentuale rispetto ai tamponi giornalieri eseguiti, dal 1° marzo 2020 al 22 agosto 2020.

Dati aggregati Regioni/PPAA – Ministero della salute – Istituto Superiore di Sanità

Quanto sono “piene” le Terapie Intensive?

Tante purtroppo le false notizie, poi smentite, che le terapie intensive stanno tornando a riempirsi a causa della curva di contagio in aumento; forse per giustificare, inutilmente, i milioni di euro spesi per la creazione di nuovi posti di terapia intensiva. La matematica mostra però una situazione differente. Interessante osservare la percentuale di ricoverati in terapia intensiva rispetto ai positivi: al 22 agosto solo lo 0,38%. Sarebbe quindi semplice allarmismo dire che stiamo tornando alla situazione di alcuni mesi fa, quando la percentuale ha toccato valori dell’8,8%. Il grafico mostra chiaramente una curva in costante decrescita e prossima allo zero.

Dati aggregati Regioni/PPAA – Ministero della salute – Istituto Superiore di Sanità

Decessi in costante calo

Tantissimi sono stati i genitori, i nonni, i fratelli o gli amici rimasti vittime dalla pandemia di Covid, ma non si può vivere nel terrore. La curva dei contagi ha un trend leggermente positivo, ma la curva dei decessi decisamente no. Ad oggi il tasso di mortalità a causa del Coronavirus è pari allo 0,02% dei positivi. Ma attenzione, di questo 0,02% di deceduti: il 61,8% avevano 3 o più patologie pregresse, il 20,4% altre 2 patologie, il 13,9% un’altra patologia e solamente il 3,9% erano pazienti sani.

Il rischio matematico

Rispettando le regole anti contagio imposte dal Governo, le possibilità di morire di Covid-19 in Italia sono davvero remote, se non avete altre patologie. Per sdrammatizzare un po’, considerate che è matematicamente più probabile indovinare i 6 numeri del Superenalotto per diverse estrazioni consecutive che morire di Sars-Cov-2, se non avete importanti patologie pregresse. Per dare un ultimo dato numerico, la percentuale di morti a causa del Coronavirus il 22 agosto (ultimo dato disponibile), ovvero 3, è pari allo 0,000005% della popolazione italiana. Rispettare le regole ed evitare che la curva pandemica non risalga è importante, ma non farsi prendere dall’ansia e dalla fobia del Covid è fondamentale.

Art. di: news24.varese.it

Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo una notizia su questo argomento?
Ogginotizie è l’informazione libera e indipendente dei cittadini, gli articoli pubblicati si sostengono grazie alle vostre pubblicità o offerte. Se ti piace cosa pubblichiamo e hai piacere di contribuire al nostro lavoro, puoi scegliere di pubblicizzare la tua attività all’interno del sito o addirittura all’interno degli articoli che pubblichiamo ogni giorno, oppure abbonarti al nostro sito con poco più di un caffè al mese o un’offerta a tuo piacere una tantum.
Acquistando uno spazio pubblicitario o abbonandoti, riceverai ogni giorno una notifica degli articoli che pubblichiamo, aiutandoci a darti ogni giorno un’informazione alternativa a quella di potere

– CLICCA QUI PER PUBBLICIZZARE LA TUA ATTIVITA’
– CLICCA QUI PER SOSTENERE OGGINOTIZIE


CERCHI LAVORO? LAVORA CON NOI


LA TUA PUBBLICITA’ ALL’INTERNO DEGLI ARTICOLI



RISOLVI PROBLEMI DI CERVICALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *