Vota il nuovo Comitato Tecnico Scientifico – hanno già votato 40 mila persone

vota il nuovo comitato scientifico

IL PARLAMENTO È LA NOSTRA CASA, ED È NELLA CASA DEGLI ITALIANI CHE SI DEVONO PRENDERE LE DECISIONI

Giovedì sera abbiamo lanciato una Grande Consultazione Popolare per capire quali nomi i cittadini vorrebbero in un comitato tecnico scientifico di loro fiducia, incardinato nel Parlamento e non più dal Governo, su una prima base di ricercatori, medici, scienziati che a vario titolo si sono fatti conoscere ed apprezzare in questo tormentato 2020.

In soli due giorni e mezzo HANNO GIÀ VOTATO QUARANTAMILA PERSONE! Quarantamila persone che sui giornali non esistono.Senza contare quelli che avrebbero voluto votare ma che non ci sono riusciti per il sovraccarico dei sistemi e per un malfunzionamento su specifici dispositivi, che adesso è stato risolto. Chi non fosse riuscito a votare o avesse ricevuto errori, può e deve votare adesso.

Questa è solo la prima delle Grandi Consultazioni Popolari attraverso le quali vogliamo restituire al popolo italiano la sua dignità nei processi decisionali che investono così pesantemente le loro vite, togliendo lavoro, distruggendo l’istruzione e la socialità nei bambini, massacrando l’economia e provocando un numero incalcolabile di vittime che non ci sarebbero state, se tutti i servizi fossero rimasti aperti e funzionanti.

Le decisioni draconiane cui siamo stati così violentemente sottoposti, vengono prese da un gruppo di persone nominate dal Governo secondo procedure opache, e queste persone – di cui non si conoscono i conflitti di interessi – producono report secretati! Significa che i cittadini, coloro che detengono la sovranità nel Paese, non devono neppure sapere perché perdono il lavoro, perché vengono uccisi lentamente in questo modo orwelliano e distopico.

NON È QUESTO IL MODO DI PROCEDERE IN UNA DEMOCRAZIA MODERNA. L’Italia è una Repubblica Parlamentare: le leggi le fa il Parlamento, il quale prende le sue decisioni nelle Commissioni parlamentari, eventualmente consultando esperti che possono portare elementi utili nelle audizioni parlamentari. LE AUDIZIONI PARLAMENTARI SONO PUBBLICHE, ED È QUESTO IL MODO IN CUI SI RISPETTANO LA COSTITUZIONE E I CITTADINI.

La Grande Consultazione Popolare serve a far comprendere che i cittadini esigono di poter audire esperti di loro fiducia nelle Commissioni parlamentari, ed esigono che il Parlamento – la loro casa – ritorni a svolgere serenamente il suo lavoro e a prendere le decisioni nel nome del bene comune.

Non siamo più a marzo, quando era forse comprensibile un intervento immediato del Governo. In questi mesi c’è stato tutto il tempo perché il Parlamento rivendicasse il suo ruolo centrale (e costituzionale) nella democrazia italiana. 

IL PARLAMENTO È LA NOSTRA CASA, ED È NELLA CASA DEGLI ITALIANI CHE SI DEVONO PRENDERE LE DECISIONI: VOGLIAMO VEDERE, ASCOLTARE E LEGGERE CIÒ CHE ACCADE NEL CORSO DI AUDIZIONI TRASPARENTI CON ESPERTI DI NOSTRA FIDUCIA.

Per questo dovresti votare e – soprattutto – passare il link della Grande Consultazione Popolare a tutti i tuoi amici e conoscenti, perché anche loro si aggiungano ai primi 40mila cittadini che hanno già votato.https://www.byoblu.com/2020/11/05/una-grande-consultazione-popolare-per-un-comitato-tecnico-scientifico-di-fiducia-dei-cittadini-in-parlamento/

Vuoi ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo su questi argomenti?

CLICCA QUI PER SOSTENERE OGGINOTIZIE

Ogginotizie è l’informazione libera e indipendente dei cittadini, gli articoli pubblicati si sostengono grazie alle vostre pubblicità o offerte. Se ti piace cosa pubblichiamo e hai piacere di contribuire al nostro lavoro, puoi abbonarti al nostro sito con poco più di un caffè al mese oppure con un’offerta a tuo piacere una tantum.

CLICCA QUI PER PUBBLICIZZARE LA TUA ATTIVITA’

Se invece hai un attività, puoi scegliere di pubblicizzarla all’interno degli articoli che pubblichiamo ogni giorno. 
In tutti e due i casi riceverai ogni giorno una notifica degli articoli che pubblichiamo. Il tuo contributo ci permetterà di dare ogni giorno un’informazione alternativa a quella unica di regime.