Il coronavirus è spento: parola del Primario di microbiologia di Treviso

coronavirus spento

Per la prima volta i primari dei reparti di Microbiologia che effettuano le analisi sui tamponi ammettono che sono costretti a potenziare la carica virale per poter individuare il virus che, altrimenti, sarebbe riscontrato in una percentuale irrisoria!

Ad affermarlo il dottor Roberto Rigoli, primario del reparto di Microbiologia a Treviso, il quale ha coordinato una ricerca assieme ai colleghi di Mestre e Verona. “Su 60mila tamponi fatti dal 1° giugno in Veneto, solo 3 hanno registrato una quantità di virus importante. Ma anche quelle 3 persone infettate dal Covid-19 hanno sviluppato solo sintomi leggeri e nessuno è finito in pneumologia o in rianimazione”.

Detto in altri termini: la carica del virus si è spenta.
Ma allora a cosa servono i tamponi oltre a far ingrassare le lobbies?

Il-logica dei tamponi

# 60.000 tamponi;
# 210 positivi;
# 199 in maniera molto modesta e probabilmente non erano infettivi;
# 11 positivi con segnale chiaro, di cui 4 asintomatici e 7 sintomatici;
# 3 casi in cui la carica virale è paragonabile a quella nella fase acuta dell’epidemia.

Chiamarla strategia sanitaria è proprio fuori luogo: 60.000 tamponi in una sola regione per trovare solo 3 persone infettate dal Covid-19, le quali hanno sviluppato solo sintomi leggeri e nessuno è finito in pneumologia o in rianimazione. E a livello nazionale?
Quanti soldi stanno incamerando i produttori dei tamponi? Quante persone sono agli arresti domiciliari (quarantena fiduciaria) per un test farlocco? Quanti bambini sono a casa da scuola per una fantomatica positività? E quanti genitori perderanno il lavoro per questa distorsione della realtà?

Non c’è altra spiegazione se non quella che viviamo in una sorta di incantesimo…

Fonte:

https://www.rovigooggi.it/n/102146/2020-08-23/il-coronavirus-ormai-si-e-spento-per-trovarlo-si-amplifica-il-segnale-di-positivita