I bambini saranno quelli che pagheranno più di tutti

Featured Video Play Icon

RadioRadio
Sono d’accordo con la visione di Francesco Amodeo, per quanto ad alcuni risulti eccessiva e fuori luogo. Bisogna fare lo sforzo di guardare oltre quello che siamo in grado di percepire come adulti coscienti ed entrate nella psiche del bambino per capire quanti e quali danni potrà portare l’attuale impostazione scolastica. La mente dei bambini è permeabile, e assorbe ogni forma di indottrinamento e persuasione. Ciò che a noi sembra leggero e di passaggio, si instaura invece in modo stabile e subdolo nel loro cervello, poiché si tratta di MEMI.

Senza contare ai danni fisici che sono sottoposti (vedi articolo del 1 Agosto 2020 Danni causati dalla mascherina)

L’altro aspetto grave che pare venga totalmente ignorato, è la soppressione quasi totale di tutte le attività deputate all’emisfero destro: arte, creatività, gioco, contatto, Emotività, relazione, scambio, unità, inclusione, comunicazione. Per me che faccio teatro e mi occupo di attività creative e percorsi di crescita personale, è penoso, ed è tutto molto chiaro. L’impero dell’emisfero sinistro, totalmente estraneo ai bambini per loro Natura, viene imposto dall’altro (non senza danni) con una giustifcazione che non trova fondamento, e pare che solo una minoranza se ne stia rendendo conto.Ma ho notizie da amici che vivono all’estero, di ferme opposizioni da parte dei genitori, che stanno facendo arretrare questa dittatura didattica grazie alla Volontà di proteggere le nuove generazioni. C’è speranza, se facciamo appello al Cuore e al buonsenso.

Francesco Amodeo

Tra i componenti del comitato tecnico-scientifico non c’è nessuno realmente esperto di scuola, ma nemmeno di neuroscienze e di psicologia dell’età evolutiva. Può essere considerata una semplice disattenzione da parte del governo? Io credo che si possa parlare di decisione sbagliate ma prese in buona fede solo quando l’errore non è a priori così evidente. Nel caso dei nostri bambini non stanno commettendo dei semplici errori di valutazione ma sono azioni scientemente pianificate per creare una generazione di automi telecomandati, funzionali ai nuovi progetti di società futura.

Un bambino ha bisogno di socialità, di carezze, di contatti fisici, di giocare sudando con altri bambini. Questo non può non essere chiaro a chi oggi si compiace di aver trovato modi e strumenti per tenerli a distanza, per farli studiare da un computer, per evitare che abbiano contatti tra di loro. In pratica per combattere un virus che, fino a prova contraria, è innocuo per i bambini. Stanno mettendo in campo misure che avranno un impatto devastante sulla loro psicologia rendendoli autistici digitali, con gravi problemi relazionali in futuro. Soprattutto per i più piccoli che non possono cogliere l’elemento emergenziale dei provvedimenti ma li assimilano ai comportamenti normali di vita.

“Io penso che fortunati siano quelli che hanno il pongo”

Ricorderete il famoso studio “Il bambino da zero a 6 anni“, che dimostra come nei primi 6 anni di vita il bambino costruisca tutta la sua struttura psicologica. Bene, tutti gli esperti di psicologia dell’infanzia hanno criticato fortemente l’eccessiva digitalizzazione delle giornate dei bambini, sopratutto come risposta al coronavirus. A questo proposito è significativa la frase di chi dice: “c’è qualcuno che pensa che i bambini fortunati siano quelli che hanno gli Ipad“, “io penso che fortunati siano quelli che hanno il pongo“, dice Crepet. Il problema che si pone oggi è che il pongo implica il contatto fisico anche con i compagni di gioco mentre l’Ipad no, che diventa una sorta di misura di prevenzione e questo tipo di ragionamento è inaccettabile.

Il modo con cui è stata gestita l’emergenza coronavirus l’ha reso un catalizzatore usato per la transizione mondiale verso il nuovo paradigma sociale basato sulla tecnologia, dove economia e vita sociale sono basate esclusivamente sull’intelligenza artificiale. La strada che porterà in futuro al trans-umanesimo che pare essere l’obiettivo finale: uomini-macchine e macchine che guidano gli uomini. Ma prima di far sì che questi uomini-macchine crescano, bisogna cominciare a lavorare sui bambini, interferendo sullo sviluppo dei bambini stessi ed è quello che stanno facendo celando questi obiettivi dietro le misure di prevenzione per un virus che non ha mai guardato ai bambini.

La Matrix Europea con Francesco Amodeo

Vuoi ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo su questi argomenti?

CLICCA QUI PER SOSTENERE OGGINOTIZIE
Ogginotizie è l’informazione libera e indipendente dei cittadini, gli articoli pubblicati si sostengono grazie alle vostre pubblicità o offerte. Se ti piace cosa pubblichiamo e hai piacere di contribuire al nostro lavoro, puoi abbonarti al nostro sito con poco più di un caffè al mese oppure con un’offerta a tuo piacere una tantum.

Se invece hai un attività, puoi scegliere di pubblicizzarla all’interno degli articoli che pubblichiamo ogni giorno. 
In tutti e due i casi riceverai ogni giorno una notifica degli articoli che pubblichiamo. Il tuo contributo ci permetterà di dare ogni giorno un’informazione alternativa a quella unica di regime.
CLICCA QUI PER PUBBLICIZZARE LA TUA ATTIVITA’