Germania e Svizzera, video censurato: vietato sapere cosa succede fuori

germania senza mascherina

Il virus è un problema solo in Italia o anche all’estero? Come stanno vivendo in Germania e in Svizzera? E perché hanno censurato un video che ce lo mostrava?

Sono diventati virali due video girati da italiani all’estero e caricati su Becciolini Network che mostrano una realtà completamente diversa da quella che viviamo in Italia. “Impennata di contagi in Svizzera: il Covid torna a fare paura e si preparano nuove restrizioni” è il titolo di un articolo pubblicato ieri da Varese news. Sulla stessa linea Adnkronos che parla di aumento dei contagi e Money che, a proposito del 15% di tamponi positivi, proclama: “Allarme in Svizzera”. Leggendo certi titoli chiunque penserebbe che anche nei Paesi confinanti con noi la situazione sia davvero preoccupante e che il governo elvetico avrà certamente preso provvedimenti.

Del resto, abituati come siamo al nostro mister lockdown Giuseppi, non potremmo pensare diversamente. E invece, proprio in queste ore, gira sul web il video di un cittadino italiano in Svizzera che mostra una realtà completamente diversa. Fabrizio, questo il nome dell’autore del video, dopo essere sceso dall’auto e aver mostrato la targa svizzera, si è diretto all’interno di un supermercato. “Vi faccio vedere che qui in Svizzera non c’è nessuna ordinanza che impone di portare la mascherina”. Nelle immagini si vedono persone intente a fare la spesa senza preoccuparsi di indossare la mascherina o di dover rispettare il distanziamento.

Germania come la Svizzera ma il video viene censurato

Dopo aver superato la cassiera del supermarket (anch’essa senza mascherina), riprende lo scontrino per mostrare la data: 15/10/20. Dunque le immagini mostrate da Fabrizio sono di ieri. Perché non sono tutti terrorizzati come noi italiani? Le persone passeggiano serenamente senza mascherine. Forse il virus non può entrare in Svizzera? Come sarà la situazione in altre parti d’Europa? Tranquilla o allarmante come ce la dipingono i nostri quotidiani?

L’altro ieri un ragazzo italiano ha registrato un video in Germania. “Adesso facciamo un bel giretto per favi vedere quanti usano il distanziamento sociale e quanti usano le mascherine e i guanti” ha detto mentre passeggiava in un mercatino. Guardando le immagini si vedono centinaia di persone passeggiare quasi tutte senza mascherine e senza rispettare alcuna distanza. Anche in questo caso, come per il video girato in Svizzera, l’autore mostra lo scontrino con la data. Entrambi i filmati sono stati inviati al blogger Stefano Becciolini che li ha caricati su Facebook e su YouTube. Assurdità nell’assurdità, YouTube ha rimosso il video della Germania perché avrebbe violato qualche norma non meglio precisata. Sembra quasi che gli italiani non debbano sapere che nel resto del mondo le persone vivono tranquille senza le pesanti restrizioni del governo Conte.

La censura sempre più evidente di alcune piattaforme ha spinto anche Becciolini ad aprire un account sul social Sfero. Qui potete trovare tutti i suoi filmati. Foto: Facebook

Ci ha contattato Stefano Becciolini per informarci che il suo video è di nuovo visibile su YouTube. Per dimostrare che era stato rimosso subito dopo il caricamento, ci ha mandato lo screen che segue. Stefano, infatti, dopo essersi accorto della rimozione del filmato, aveva segnalato la censura al gruppo WhatsApp del Patto Julian Assange.

video censurato germania svizzera

Fonte: oltre.tv

Vuoi ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo su questi argomenti?

CLICCA QUI PER SOSTENERE OGGINOTIZIE

Ogginotizie è l’informazione libera e indipendente dei cittadini, gli articoli pubblicati si sostengono grazie alle vostre pubblicità o offerte. Se ti piace cosa pubblichiamo e hai piacere di contribuire al nostro lavoro, puoi abbonarti al nostro sito con poco più di un caffè al mese oppure con un’offerta a tuo piacere una tantum.

CLICCA QUI PER PUBBLICIZZARE LA TUA ATTIVITA’

Se invece hai un attività, puoi scegliere di pubblicizzarla all’interno degli articoli che pubblichiamo ogni giorno. 
In tutti e due i casi riceverai ogni giorno una notifica degli articoli che pubblichiamo. Il tuo contributo ci permetterà di dare ogni giorno un’informazione alternativa a quella unica di regime.