BULGARIA – Deputati e ministri rinunciano allo stipendio per donarlo alla Sanità

BULBARIA deputati e ministri rinunciano allo stipendio per donarlo alla sanità

Chissà che sia di esempio

News Republic
In Bulgaria, i deputati e i ministri hanno deciso di donare il proprio stipendio al ministero della Salute. La decisione è stata presa nell’ambito delle misure sull’emergenza sanitaria da coronavirus. L’ammontare complessivo è di 740mila euro

In Bulgaria, i casi conclamati di coronavirus non hanno raggiunto i numeri di altre nazioni europee. Tuttavia, nel Paese vige lo stato di emergenza, con un lockdown deciso fino al prossimo 13 maggio. Per questo motivo, anche le istituzioni hanno voluto dare un forte segnale alla popolazione – soprattutto a quelle persone che vivono sotto la soglia di povertà. Con una decisione presa a maggioranza dal parlamento bulgaro nella serata di ieri, i ministri e i deputati rinunceranno alla loro indennità per versarla sul conto del ministero della Salute che, in questo momento, sta gestendo l’emergenza sanitaria.

Stipendi deputati Bulgaria, il gesto della politica per l’emergenza coronavirus

In Bulgaria sono meno di 550 i casi certificati di Covid-19, con un numero di morti che al momento si ferma alle 22 unità. La misura della sospensione degli stipendi prenderà in considerazione il periodo di fatturazione iniziato lo scorso 1° aprile. La proposta è stata fatta dal partito conservatore di maggioranza, Gerb, con primo firmatario Krassimir Tsipov, ed è stata votata – dopo 11 ore di dibattito (che ha compreso, tuttavia, anche altre misure per la gestione dell’emergenza coronavirus) – da 170 parlamentari su 240 complessivi.

Attualmente, i salari dei deputati sono pari a tre salari medi del settore pubblico, per un totale complessivo di 4300 leva a testa. Nel corso della legislatura c’è stato un dibattito relativo proprio alla diminuzione e al congelamento dei salari di parlamentari, ministri e funzionari pubblici. Questa mossa del partito di maggioranza relativa, invece, riguarda nella fattispecie il periodo dell’emergenza sanitaria da coronavirus. Insomma, il problema in questo momento viene risolto destinando tutti i fondi alla sanità pubblica, in attesa di ridiscutere complessivamente il quantitativo dei salari da destinare alle istituzioni pubbliche.

Per dare un’idea delle risorse che andranno a essere inserite nel bilancio del ministero della Sanità, si può considerare che la cifra complessiva per questo mese degli stipendi di ministri, parlamentari e funzionari pubblici ammonta a 1,44 milioni di leiva, pari a circa 740mila euro.

Fonte: News Republic


REGISTRATI per ricevere gli articoli di questa categoria
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *